La Canapa, una soluzione anche per i Vegani

Oggi è la giornata internazionale del veganesimo. Esattamente è il primo giorno che inaugura il mese dedicato a questo diverso modo di affrontare la vita. Un pensiero che si poggia su precise scelte etiche, ecologiche e di salute. Non è solo un’occasione per festeggiare una ricorrenza, ovvero la fondazione della The Vegan Society, ma anche un’opportunità per stabilire un dialogo e far conoscere uno stile di vita alternativo.

Quanto sentiamo parlare di questa filosofia negli ultimi decenni? Moltissimo. Al centro di esaltazioni o critiche, eccessi o meno, la dieta vegana ha sempre più larga eco all’interno della nostra società. Molti sono infatti le persone che decidono di abbracciare questo modo di vivere. Una maniera diversa di approcciarsi non solo al cibo e alla tavola, ma un filone di pensiero che va ben aldilà dei singoli pasti.

È un no forte e chiaro contro ogni forma di brutalità e sfruttamento nei confronti degli animali. Non ci si veste e non si indossano scarpe ottenute dai loro pellami e dalle loro pelli. Non si usano cosmetici e nessun altro prodotto ottenuto da loro.

Al bando non solo uova e latticini, cotolette e gamberoni, ma tutto ciò che è di origine animale.

La Canapa e i vegani

Si è portati a pensare che una dieta di questo tipo possa indurre a diverse carenze. La cosa più immediata che ci si chiede è da dove si dovrebbero assorbire tutti quegli apporti nutrizionali necessari per una dieta equilibrata. La risposta però è semplice, perché le possibilità che la natura ci offre sono veramente infinite. A volte è solo la mancanza di informazione che ci porta a sostenere che l’unica strada reale da perseguire sia quella che si è abituati a conoscere da sempre.

Invece spesso non è così. Criticabile o meno il punto di vista del vegano modello, non si può certo negare che le opportunità per non farsi mancare nulla a tavola siano davvero molte. E oggi, grazie alla possibilità di utilizzare di nuovo come in passato la Canapa e i suoi derivati, le alternative cominciano ad arricchirsi sempre di più.

Non solo soia e miglio

Quindi non pensiamo più solo ai semi di soia e di lino, al tofu come sostituto della carne, all’avena come farina, al setain e ai ceci. Ora c’è anche la Canapa. Un’ottima alleata di benessere e salute anche per chi decide di non mangiare più pesce. Dalla sua pianta, infatti, è possibile estrarre qualsiasi cosa ci possa tornare utile per preparare un’ottima e nutriente colazione, un lauto pranzo, una gustosa merenda e una salutare cena. Senza rinunciare a nulla e nutrendo il nostro organismo nel miglior modo possibile. Pensiamo, un esempio per tutti, che i semi di questa polivalente pianta, e l’olio che se ne ricava, contengono una percentuale elevata di acidi grassi essenziali. Più di quanti se ne trovano nel salmone o nel pollo. Un concentrato di benessere che sicuramente non farà sentire la mancanza del più conosciuto pesce e volatile.

Ricca di vitamine, minerali, amminoacidi essenziali, la pianta dalle foglie a cinque punte è utilizzabile sotto forme diverse. Dalla farina che si ottiene dalle sue fibre, altamente digeribile e gluten free, per cui utilizzabile anche per chi, e non è cosa poco comune, abbia problemi di intolleranze o addirittura allergie. All’olio ottimo per condire i cibi, alle infiorescenze utili anche per ottenere rilassanti decotti e tisane.

Leggi anche: Cannabis in cucina? Gli innumerevoli benefici che non ti aspetti

Dalla tavola alla cosmesi e all’abbigliamento

Non solo per la preparazione dei cibi, ma anche per creme e prodotti per la cura del corpo. La Canapa è un’alternativa valida nelle preparazioni di lozioni utili al benessere e alla bellezza dei capelli e della pelle. Alleata per il recupero muscolare degli sportivi e per il loro giusto apporto proteico. Amica del benessere psicofisico di ognuno di noi, perché combatte i sintomi dell’ansia, dello stress e aiuta a dormire meglio. Dalla sua tela si ottiene un confortante tessuto per scarpe e indumenti freschi d’estate e caldi d’inverno.

Tutto al naturale, nel rispetto dell’ambiente e di una logica ecosostenibile. Ciò di cui la filosofia vegana si fa promotrice. E ciò di cui il nostro mondo, oggi più che mai, ha bisogno. Di rispetto per l’ambiente, di trovare delle soluzioni sostenibili che tutelino ciò che ci circonda.

Noi de Il Dispensario siamo per un approccio alla vita che sia rispettoso di tutte le componenti che fanno parte del nostro ecosistema. Per questo sosteniamo l’utilizzo della Canapa in tutti i suoi campi di impiego.

Leggi anche: Canapa, la migliore alleata per uno sviluppo ecosostenibile

 

Fonti:

Giornata mondiale dei Vegani: storia, significato e dieta cruelty free

Street food, la cucina vegana a base di canapa? La proposta di Sara Samuel

Semi di Canapa, il “veg” che fa bene alla salute

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *