Canapa, la migliore alleata per uno sviluppo ecosostenibile

Viviamo in un’epoca piena di contraddizioni, di occasioni prese a volo e di altre perse in un batter d’occhio. Ci divincoliamo tra innovazioni eccezionali e mancate opportunità di tutela dell’ambiente. Quella Madre Natura, che forse a volte è matrigna, ma che spesso è culla accogliente e generosa anche per chi si dimentica di coccolarla. Nostro compito, dovere e diritto, dovrebbe essere quello di curarla, rispettarla, proteggerla. Per vivere meglio il nostro presente, per garantire il futuro.

Il progresso avanza a passi da gigante. Ogni giorno e sempre più velocemente. Quotidianamente assistiamo alla presentazione di un innovativo e futuribile espediente tecnologico atto a facilitare le nostre quotidiane attività. Proponendo nuovi modi per pulire la casa, per rispondere al telefono, per coltivare le amicizie, per guidare l’auto. Qualsiasi nostra attività subisce il processo tecnologico. Questa è l’era della rivoluzione informatica, del progresso a tutto tondo, in ogni campo. In ogni momento. Ed è meraviglioso. Ma c’è un piccolo puntino nero. Neanche poi tanto piccolo:

a volte dimentichiamo di proteggere i luoghi in cui viviamo. Di rispettare il suolo e ciò che gli sta attorno. Gli alberi, l’atmosfera, i mari, i fiumi. Tutto il mondo che ci circonda. Non sottovalutando il fatto che, molto più spesso di quanto crediamo, la natura stessa ci offre il modo per creare opere meravigliose, soddisfacendo i nostri bisogni senza necessariamente danneggiarla. È una questione di valori. Ed è la parte più difficile della strepitosa esperienza umana.

AAA cercasi soluzioni ecosostenibili!

Forse a volte basterebbe essere un po’ più accorti. Cercare risposte alternative ad azioni che per decenni sono state considerate le uniche possibili e vantaggiose ma che in realtà, con il passare del tempo, non si sono rivelate poi così convenienti. Perché hanno finito per inquinare il nostro pianeta in un modo che ora non è più possibile ignorare. L’aria che noi stessi respiriamo, il mare dove d’estate facciamo il bagno, i fiumi dove peschiamo le trote che tanto piacciono a qualcuno. Così oggi- e per fortuna- si sente parlare sempre più spesso di innovative soluzioni per sostituire le sostanze che hanno intaccato l’ecosistema. Proposte innovative e tentativi di educazione sociale.

Il mood delle aziende cerca di diventare ora quello di un’economia green, sostenibile, rispettosa. Ed ecco che cominciano a sperimentarsi i più svariati materiali, le fonti energetiche più diverse, i cibi più salutari, le coltivazioni meno aggressive. Una filosofia, quella dell’ecosostenibilità, di rispetto per la natura e, di conseguenza, per noi stessi e per la nostra salute. Una specie di tormentone. Di quelli positivi e mai noiosi, però!

Leggi anche: Cannabis terapeutica e costi

La Canapa, preziosa alleata dell’ambiente

Le alternative per un mondo più pulito esistono e sono tante. Basterebbe praticarle. E servirebbe qualcuno che informasse sui benefici che tante risorse, sottovalutate o dimenticate, potrebbero apportare. Certo, c’è tanta strada da fare ancora. E non sarà né piana né rettilinea. Magari sarà piena di curve e salite. Ma possibilmente sarà quella giusta.

Un esempio su tutti. L’impiego della Canapa Light. La sua storia è passata da protagonista di un’economia fiorente a pianta bandita e fuori legge. Per secoli è stata impiegata in mille campi. Poi dimenticata. Oggi finalmente sembra che si stia dando una nuova possibilità al suo mercato. Un mondo che offre mille opportunità e molti vantaggi. E che, soprattutto, rispetta l’ambiente. Dall’inizio della filiera alla produzione dei prodotti che si estraggono dalla pianta. La sua, è una coltivazione ecosostenibile, perché ripulisce il terreno, perché assorbe anidride carbonica diminuendone la presenza nell’atmosfera. Perché delle sue parti non si butta niente, ma si sfrutta tutto. È uno di quegli elementi naturali che ha un’applicazione possibile per ogni settore. Il limite per il suo utilizzo è solo legato a una fitta coltre di luoghi comuni e pregiudizi. Inutili, se pensiamo che il suo impiego è antico come il mondo.

La pianta dai mille usi, dalle navi dei Fenici alla Bioedilizia

La prima prova del suo uso risale a circa 9 mila anni fa. La Costituzione americana è stata scritta su carta di Canapa. Le vele delle imbarcazioni dei Fenici erano fatte con la sua tela. Da che mondo è mondo questa pianta ha conosciuto i più svariati impieghi.

E oggi? Fortunatamente il primo step per il suo ritorno nel mercato è stato fatto, riconoscendo la possibilità alla Canapa Light di ritornare, dopo quasi 40 anni, a essere coltivata e commercializzata. Ricominciano a essere utilizzati i semi e le farine in cucina, l’olio per gli alimenti, per la cosmetica, per il benessere. Ormai è sdoganato il suo impiego nella cura di molte patologie. Riconosciuto il suo valore nel recupero fisico degli sportivi. Insomma tanti passi sono già stati fatti, anche se molti ancora restano da fare.

In ottica green ed ecosostenibile bisognerebbe cominciare a pensare alla Canapa industriale anche come materiale per una valida alternativa alla plastica, causa numero uno d’inquinamento. Dalla cellulosa della pianta è possibile ottenere materiali biodegradabili e con funzione isolante. Può essere usata come combustibile, un biodiesel di origine naturale e puro. Una fonte energetica rinnovabile e a bassissimo impatto ambientale. La pianta dalla foglia a cinque punte è un’ottima risorsa da impiegare anche nella bioedilizia. Tanti i benefici nell’usare mattoni fatti con la canapa, perché ottima come isolante termo-acustico. Perché ignifuga, perché protegge da microbi e insetti. Si ottengono costruzioni di muratura massiccia, solida e durevole. Così si crea un ambiente salubre e naturale, grazie anche al fatto che la Canapa ha un’ottima capacità di trattenere l’umidità.

Ecosostenibile, riciclabile, conveniente. Salutare, alleata di benessere e bellezza. Appetitosa per fare pasta, pane e pizza. Per condire insalate. Di che altro abbiamo bisogno per supportare la nostra filosofia?

Noi de Il Dispensario siamo per la rivalutazione delle antiche tradizioni. In ottica innovativa e rispettosa di ciò che ci circonda.

Leggi anche: Legalizzazione della cannabis in Italia

 

Fonti:

Usi della Canapa

Tutto quello che si può fare con la Canapa

Il cemento di Canapa e calce: un promettente materiale e metodo di costruzione per l’edilizia sostenibile

Canapa: ecco i principali utilizzi della pianta dalle mille risorse 

Costruire con la Canapa, materiale naturale per la bioedilizia

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *